Dopo questi trionfi, Rocco finì al Torino, guidandolo per 3 stagioni, con l'acuto del terzo posto nella stagione, per poi assumere l'anno successivo sempre coi granata nella stagione il ruolo di direttore tecnico.
Roberto Pruzzo (Radio Radio La Roma alla partita di stasera ci arriva bene ha recuperato a pieno Dzeko e De Rossi Del Porto conosco poco, bisogna stare molto attenti perchè è tagliare il filo sotto la lingua una squadra pericolosa, ma credo che la Roma abbia legittime possibilità di passaggio turno.
Ciò, speremo de no!» (Un celebre dialogo tra un giornalista e il paròn 7 8 9 nereo Rocco trieste, trieste, 20 febbraio 1979 10 ) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista o attaccante.A Napoli, al Vomero, nasce il suo primo figlio Bruno.Con questo risultato, per molti versi misconosciuto nella sua città, iniziò la storia di Nereo Rocco allenatore.Il cognome del padre Giusto è Roch, austriaco di origine viennese.Ma ce la fa a giocare una partita intera?Napoli modifica modifica wikitesto Nel 1937 passò al Napoli, acquistato per 160.000 lire dell'epoca con il compagno di squadra Germano Mian 12, debuttando con la nuova squadra in campionato alla prima giornata, il 12 settembre 1937 nella sconfitta in trasferta contro il Bologna per 3-2.Lo dice il referto sulle analisi del sangue effettuate dal laboratorio del Policlinico di Bari.Biografia di Nereo Rocco Su t,.Dalla nona alla diacessettesima giornata come direttore tecnico a fianco dell'allenatore Cesare Maldini.Isbn Gigi Garanzini, Nereo Rocco: la leggenda del Paròn, Baldini Castoldi, 1999 Milano.ISBimmo Carratelli, La grande Storia del Napoli, Gianni Marchesini.
Come direttore tecnico insieme all'allenatore Giovanni Trapattoni e nel giugno 1976 insieme a Paolo Barison.
Padova e fine carriera modifica modifica wikitesto Rocco (in piedi, secondo da destra) con la maglia del Padova Passò quindi al Padova in Serie B, disputandovi 47 partite e siglando 14 reti; nella stagione disputò il campionato di Serie C nelle file della squadra, prettamente.




Trieste, dopo una breve malattia.Riccardo Galopeira Angelini (Tele Radio Stereo) : Ci avete fatto caso che la Roma non ha diramato le convocazioni per il Porto?Nella stagione il Padova si classificò terzo e negli anni successivi continuò a piazzarsi sempre nelle zone medio - alte della graduatoria.Dopo una salvezza insperata, Nereo Rocco preparò il suo Padova per il grande salto in Serie A, che avvenne nella stagione successiva.Mezzobusto di Rocco presso l'ingresso della tribuna Pasinati dello stadio di Trieste.Nella sessione acquisti estiva Rocco fece acquistare Blason, già con lui nella Triestina che si piazzò seconda, Moro e Azzini, destinati a diventare suoi fedelissimi.Nella stagione successiva ( Rocco mise in bacheca la prima Coppa dei Campioni del Milan e del calcio italiano, battendo a Wembley il Benfica di Eusebio.Anche se domani verrà effettuata lautopsia così come richiesto dal primario del reparto del nosocomio brindisino.Per un breve periodo, nel dopoguerra, fu allenatore-giocatore della Libertas Trieste, sempre.Grande protagonista di quella stagione fu il diciannovenne Gianni Rivera.Secondo alcuni (ma forse non secondo lui da allenatore introdusse in Italia il " catenaccio il modulo tattico prettamente difensivo ideato in Svizzera negli anni trenta.Nazionale modifica modifica wikitesto Indossò la maglia della Nazionale in un'occasione: Vittorio Pozzo lo schierò nella partita di qualificazione al campionato mondiale di calcio 1934, disputata il Milano contro la Grecia e vinta dagli azzurri per 4-0.
1975 Fiorentina A CI 4 3 1 0 CM,21 feb.-lug.
On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.



Insieme al direttore tecnico Giuseppe Viani e all'allenatore Paolo Todeschini.

[L_RANDNUM-10-999]